Nelly Cheboi insegna alcune competenze tecnologiche utili a fornire una soluzione sostenibile alla povertà

PASSA AL CONTENUTO PRINCIPALE
Pangea temporary hotfixes here

Nelly Cheboi è un’ambiziosa leader tecnologica che aspira a coinvolgere un numero crescente di kenioti nell’economia digitale e sviluppare soluzioni alla povertà efficaci e scalabili. Durante il suo primo anno di college, ha avviato una scuola proprio con questo obiettivo e ora la sua organizzazione non profit TechLit Africa insegna a 4.000 studenti di età compresa tra i 5 e i 14 anni di età. Nelly è entrata a far parte di Logitech MX per la serie #WomenWhoMaster, per parlare di come sta aiutando la sua comunità nelle zone rurali del Kenya fornendo accesso ai computer e insegnando alla gente competenze digitali.

D: Come hai vissuto la tua infanzia e in che modo la tua esperienza ha contribuito a plasmare la persona che sei oggi?

Sono cresciuta a Mogotio, un piccolo villaggio a quattro ore da Nairobi, in Kenya. Sono vissuta in condizioni di povertà, andavo a scuola scalza e andavo a letto affamata. 

Le scuole in Kenya sono molto costose, in particolare le scuole superiori. Mia madre, che era single, lavorava sodo per pagare l’istruzione delle mie sorelle maggiori. Le nostre vicine potrebbero dire: “Perché lavorare così duramente per dare un’istruzione alle figlie? Queste ragazze stanno per sposarsi, non dovrai preoccuparti di dargli un’istruzione." Ma lei andava dritto per la sua strada. L’ho vista tentare molte attività e non avere successo, ma ha sempre mantenuto intatta la capacità di rialzarsi il giorno dopo e riprovare. Sono rimasta sopraffatta dall'ammirazione per questa donna fenomenale. 

E proprio lei è diventata la mia motivazione nella vita. Volevo che mia madre potesse andare in pensione e volevo costruire soluzioni sostenibili che sradicassero il dolore che una condizione di povertà produce.

Nelly Cheboi insegna circondata dai bambini

"Ho voluto ridisegnare l’infanzia dei bambini che crescono in un villaggio come Mogotio."

D: Hai frequentato un college negli Stati Uniti e hai deciso di studiare informatica. Hai sempre avuto un interesse per l’ambito scientifico?

No. Non sapevo nulla di tecnologia. Non era nemmeno nel mio vocabolario. Volevo fare la pilota. Forse per l’idea di poter volare via dalla povertà. Ma il mio primo volo è stato quello per l’America e lì ho capito che in realtà volevo fare altro. Ho iniziato quindi a cercare un’alternativa. Mi era sempre piaciuta la chimica, quindi mi sono orientata in quella direzione. Ero sulla buona strada per una specializzazione in chimica fino a quando non ho conseguito una seconda specializzazione, matematica applicata. 

Durante il mio primo anno di college, dovevo seguire un corso introduttivo a Java per la mia specializzazione in matematica, e me ne sono subito innamorata. Così ho lasciato la mia specializzazione in chimica e sono passata a una specializzazione in informatica. Alla fine sono riuscita a prendere la laurea in informatica in un anno!

D: Mentre eri al college, ti è venuta l’ispirazione di avviare una scuola e fare qualcosa per la tua comunità. Come ti è venuta la voglia di fare qualcosa di così ambizioso in così giovane età?

Al college, ho trovato lavoro come bidella. In quanto studentessa internazionale, potevo lavorare 20 ore a settimana con un salario minimo. Potevo risparmiare tutti i miei soldi per la mia famiglia. Alla fine ho messo da parte abbastanza denaro per potere acquistare alla mia famiglia un casa migliore della squallida casa in cui avevo trascorso l’infanzia e mi sono presa la responsabilità di mantenere la mia famiglia, in modo che mia madre potesse finalmente prendersi una pausa. Volevo continuare a sostenere la mia famiglia, ma mi sono resa conto che se avessi continuato a inviare denaro a casa ogni mese, non sarei mai stata in grado di tornare alla mia comunità. Quindi ho deciso di costruire una scuola. È così che Zawadi è stata fondata.

Una scuola è sostenibile. I genitori pagano circa 10 dollari al mese perché i figli vadano in questa scuola e quei soldi sono sufficienti per pagare gli insegnanti e altri beni di prima necessità. In un primo momento, tutti i computer erano quelli che riuscivo a recuperare mentre lavoravo in America. Dopo la laurea, ho lavorato presso un'azienda tecnologica. E qui mi sono resa conto di quanti computer vengono sprecati in quelle aziende: ogni tre anni i computer vengono smaltiti perché troppo lenti per gli operatori tecnologici. Alcuni vengono riciclati, ma non molti. Così ho iniziato a recuperare quei computer e a portarli a scuola.

Questi computer sono stati il punto di partenza per iniziare a presentare nuove idee alla comunità attraverso la scuola. La scuola offre l’opportunità di sperimentare e aiutare gli altri a imparare cose nuove.

Nelly Cheboi in aula

D: Quali modifiche hai apportato per ampliare la scuola e offrire un servizio più equo a livello di genere?

I bambini venivano a scuola nel tempo libero per apprendere abilità di base, ad esempio come usare un computer o un mouse. Ma dopo un po’ ci siamo resi conto che la maggior parte degli studenti che tornavano erano maschi. Le ragazze restavano a casa per offrire aiuto con i lavori domestici. Quindi ci siamo resi conto che per garantire parità di accesso dovevamo andare nelle scuole esistenti. Questo sforzo è diventato la mia organizzazione non profit TechLit Africa, che collabora con le scuole per fornire un programma di studi incentrato sull’autoefficacia, la risoluzione dei problemi e le competenze su Internet. Insegniamo competenze come programmazione, progettazione grafica, produzione audio e video, e tutto è basato su progetti. Insegnanti e specialisti affrontano il corso da una prospettiva professionale, in modo che lo studente impari a usare un computer e altre tecnologie come farebbe un professionista. Oggi abbiamo coinvolto 4.000 studenti in 10 scuole. La nostra prossima tappa è arrivare a lavorare con 100 scuole in tutto il paese.

D: Perché è così importante per le ragazze, e per tutti gli studenti con cui lavori, sviluppare competenze digitali?

In Kenya tutti sono imprenditori, ma hanno aziende molto, molto piccole. Non molti passano da una piccola impresa a una media impresa in grado di dare lavoro alle persone.

"Quando ho scoperto i computer e ho capito come funziona il mondo tecnologico, mi sono resa conto che invece di riparare tutti i sistemi del Kenya, che sarebbe molto costoso, possiamo attingere a un sistema esistente: l'economia digitale."

Nelly Cheboi con in mano gli alimentatori

D: In che modo stai aiutando un numero crescente di donne a fare progressi nelle discipline STEM e stai dando forma a una narrazione per il futuro?

In Kenya, una delle cose affascinanti è che, poiché le persone non hanno esperienza in ambito informatico, non ci sono pregiudizi. In TechLit Africa c'è una ragazza di 10 anni che ama programmare. Non fa altro. C’è anche un ragazzo a cui piace usare documenti Word per formattare le lettere, cosa che di solito crediamo sia una mansione da segretario. Non ci sono pregiudizi. Questi ragazzi partono da zero, trovano le applicazioni che preferiscono e si esprimono in questo modo. Questa è una delle cose importanti che vedo nella mia esperienza di lavoro. Abbiamo eliminato tutti i pregiudizi.

 

"Sono davvero onorata di poter continuare a insegnare competenze tecnologiche a un numero crescente di bambini, rendendoli capaci di fare, prima che il mondo indichi loro chi devono essere o cosa devono apprezzare."

Entra in contatto con Nelly su Twitter all'indirizzo @nelly_cheboi, su Instagram all'indirizzo @nellycheboi o su LinkedIn. Per rimanere sempre aggiornato su TechLit Africa, connettiti su Twitter @techlitafrica, su Instagram @techlitafrica o su LinkedIn. Puoi anche supportare direttamente TechLit Africa tramite donazioni finanziarie o IT.

Women Who Master accende i riflettori sulle donne che hanno dato un contributo eccezionale nelle aree STEM. L'obiettivo della serie è celebrare tali contributi, ispirare le future leader e contribuire a colmare il divario di genere nella tecnologia.

Diritti d'autore della foto: TechLit Africa

#WOMENWHOMASTER

INCONTRA LE PROFESSIONISTE DI SUCCESSO NEL CAMPO STEM

Nadia Zhuk

Da bambina, Nadia Zhuk era intimidita dalla tecnologia. Ora è ingegnera software autodidatta. Nadia racconta come la sua identità di donna, immigrata e un cambio di carriera abbiano plasmato il suo percorso nel campo della tecnologia.

Jerelyn Rodriguez

Jerelyn Rodriguez desidera aiutare più persone possibile dei quartieri a basso reddito. La co-fondatrice di The Knowledge House sta sostenendo la sua comunità nel Bronx in modo che più persone possano intraprendere la strada per lavori ben retribuiti nel settore tecnologico.

Faiza Yousuf

Faiza Yousuf è determinata ad aiutare le donne pakistane ad affermarsi e fare carriera nel settore tecnologico. Attraverso iniziative quali i boot camp di programmazione e gli acceleratori di carriera, sta creando visibilità, senso di comunità e inclusione nel suo paese.