Articolo: Come una scarsa ergonomia può portare al burnout

PASSA AL CONTENUTO PRINCIPALE
Pangea temporary hotfixes here
Lavorare da casa su un tavolo da cucina

Il benessere dei dipendenti è essenziale per la crescita e la stabilità di qualsiasi azienda. Quando i lavoratori sono stressati e lavorano in un ambiente poco ergonomico, hanno maggiori probabilità di subire un burnout. Una corretta ergonomia del luogo di lavoro significa progettare spazi di lavoro che soddisfino le capacità dei lavoratori e aumentino la produttività.

I dati mostrano che nel 2021 l’ 89% dei lavoratori ha subito un burnout, con un tasso di burnout che sale al 52% dal 43% del 2020. I dipendenti in burnout hanno prestazioni inferiori e sono più propensi a dimettersi. Pertanto, come datore di lavoro, è fondamentale comprendere il nesso tra scarsa ergonomia e burnout. 

Questo articolo illustra come una scarsa ergonomia del luogo di lavoro può portare al burnout e come prevenirlo sia per i lavoratori in loco che da remoto. Ma prima, parliamo del burnout, delle sue cause e sintomi.

Cos'è il burnout?

CGI di una persona con un fiammifero bruciato sulla testa

Il burnout sul posto di lavoro è il risultato di stress lavoro correlato, solitamente causato da un estremo esaurimento mentale e fisico. Inoltre, i lavoratori sperimentano un burnout quando perdono il senso di identità personale e hanno un ridotto senso di realizzazione. 

Un dipendente che soffre di burnout non riesce a stare al passo con il lavoro e le esigenze della vita. Si sentono costantemente emotivamente e mentalmente prosciugati. Tuttavia, la maggior parte dei datori di lavoro e dei dipendenti non se ne rende conto in tempo. 

La domanda, quindi, è: quali sono i segnali del burnout sul posto di lavoro? I seguenti sono alcuni sintomi fisici, emotivi e comportamentali del burnout sul posto di lavoro:

  • Immunità ridotta e frequenti assenze per malattia 

  • Cambiamento delle abitudini del sonno e dell’appetito 

  • Dolore muscolare o mal di testa ricorrenti 

  • Sensazione di impotenza, di perdita e di essere intrappolati 

  • Sentirsi distaccati dai colleghi e dai propri cari e soli al mondo 

  • Visione cinica e negativa della vita e perdita di motivazione 

  • Ritiro delle responsabilità 

  • Procrastinare spesso e impiegare più tempo a completare le attività  

Molti pensavano che l’aumento della cultura del lavoro ibrido, favorito dalla pandemia COVID-19, avrebbe portato a un minor burnout. Tuttavia, è vero il contrario; i lavoratori sono più colpiti dal burnout che mai. Questo perché il carico di lavoro non è diminuito e gli ambienti di lavoro non sono migliorati. 

In effetti, molti datori di lavoro non hanno voluto garantire che i dipendenti lavorassero in uno spazio di lavoro ergonomico, in particolare per i dipendenti da remoto. Questa serie infinita di pratiche lavorative inadeguate rende difficile affrontare e superare il burnout.

Le cause del burnout sul posto di lavoro

Dopo aver stabilito i sintomi del burnout sul posto di lavoro, quali sono le cause del burnout sul posto di lavoro? Eccone alcune:

  • Scarsa ergonomia: Un luogo di lavoro con scarsa ergonomia influisce negativamente sull'umore dei dipendenti e causa tensione mentale. Inoltre, rallenta i processi interni del corpo e riduce i livelli di energia. 

  • Aspettative lavorative poco chiare: I dipendenti che non conoscono o non comprendono il proprio ruolo o le aspettative del datore di lavoro subiscono un esaurimento. 

  • Disfunzionali dinamiche del luogo di lavoro: Sentirsi compromessi dal proprio capo o dai colleghi o essere vittime di bullismo sul posto di lavoro può portare al burnout. 

  • Spazio di lavoro caotico: Un luogo di lavoro disorganizzato e con una scarsa ergonomia è causa di burnout. 

  • Mancanza di equilibrio tra lavoro e vita privata: I dipendenti che non possono trascorrere del tempo di qualità con i propri cari a causa del proprio lavoro potrebbero andare incontro a un burnout. 

In che modo una scarsa ergonomia porta al burnout sul posto di lavoro?

Uno spazio di lavoro poco ergonomico può aumentare lo stress

Una scarsa ergonomia sul posto di lavoro determinerà in ultima analisi uno stress estremo e un burnout dei dipendenti. Uno dei più grandi errori commessi dalla maggior parte delle aziende è quello di non pianificare l’ergonomia dell’ufficio durante la progettazione degli spazi di lavoro. 

Lavorare in ufficio è sedentario e può incidere sul benessere fisico e mentale a lungo termine di chi lavora. Quando una vita sedentaria in ufficio si combina con una scarsa ergonomia, gli effetti dannosi aumentano. 

Uno spazio di lavoro mal progettato e attrezzature di lavoro mal tenute sono due esempi di scarsa ergonomia. Altri esempi sono la mancanza di funzionalità per la riduzione del peso e le superfici/stazioni di lavoro non regolabili, tra cui una sedia non regolabile, che potrebbe causare una compressione della colonna vertebrale. 

In alcuni casi, un dipendente può riportare contusioni su polsi e avambracci a causa di una configurazione di lavoro inadeguata. Una scarsa ergonomia potrebbe comportare anche la presenza di oggetti pericolosi sul posto di lavoro e un'illuminazione inadeguata. Tutti questi fattori possono stressare i dipendenti e renderli irritabili e depressi, portando al burnout.

Come prevenire il burnout sul posto di lavoro

Postazione di lavoro ergonomica

È possibile evitare il burnout sul posto di lavoro; tuttavia, richiede l'adozione di misure deliberate per risolverlo. Ecco alcuni suggerimenti per prevenire il burnout sul posto di lavoro: 

  • Crea uno spazio di lavoro ergonomico

I datori di lavoro devono creare uno spazio di lavoro ergonomico per ridurre l’impatto del burnout tra i dipendenti. Una postazione di lavoro ergonomica dovrebbe avere spazio per ginocchia, cosce e piedi sotto la scrivania. Fornisci scrivanie regolabili e assicurati che siano impostate all’altezza corretta per l’utilizzo di un laptop o di una scrivania.

Inoltre, la postazione di lavoro dovrebbe avere una sedia che supporti la colonna vertebrale e una tastiera ergonomica esterna. Deve essere presente un mouse che si adatta alla mano, una buona illuminazione e qualsiasi oggetto che aiuti a ridurre lo stress sul lavoro. 

  • Promuovi l’equilibrio tra lavoro e vita privata 

Un altro modo per evitare il burnout è creare un sistema che consenta di conciliare lavoro e vita privata. Per fare questo, i datori di lavoro devono incoraggiare il personale a fare delle pause, a concedersi dei momenti liberi e includere la possibilità di lavorare da casa. Inoltre, incoraggia i dipendenti a trascorrere del tempo con la famiglia e a dare priorità alla cura di se stessi.

  • Priorità al benessere sul posto di lavoro 

I leader delle aziende dovrebbero avere un piano di benessere per i dipendenti. Ad esempio, possono creare un luogo in cui le persone possono rilassarsi o meditare in caso di stress sul lavoro. Inoltre, investi nell’estetica, concentrandoti su design e piante rilassanti.

Prevenire il burnout a casa

Postazione di lavoro ergonomica

Le condizioni di lavoro ibrido non verranno meno e sempre più persone continueranno a lavorare da casa. Pertanto, i datori di lavoro devono anche adottare misure per prevenire il burnout dei dipendenti da remoto. Ecco alcuni suggerimenti da condividere con i dipendenti per migliorare l’ergonomia della casa e ridurre il burnout:

  • Stabilisci una buona postura durante il lavoro 

  • Regola sedie e scrivanie per mantenere il corpo in una posizione neutra 

  • I monitor e gli altri dispositivi di visualizzazione devono trovarsi alla giusta altezza e distanza 

  • Utilizzare le configurazioni di tastiera e mouse appropriate 

  • Riduci i movimenti ripetitivi 

  • Alzati e muoviti di tanto in tanto 

  • Garantire la giusta illuminazione, temperatura e umidità

Pratiche ergonomiche continue da parte dei datori di lavoro

Infine, i datori di lavoro sono costantemente alla ricerca di soluzioni per promuovere pratiche ergonomiche sul lavoro. Possono farlo nei seguenti modi:

  • Effettuare regolarmente valutazioni ergonomiche

  • Investire nei giusti mobili e attrezzature

  • Realizzazione di postazioni di lavoro ergonomiche 

  • Modifica delle postazioni di lavoro esistenti per tenere conto del numero di nuovi dipendenti 

  • Affrontare l’ergonomia ambientale (fulmini, temperatura, ecc.)

  • Incoraggiare le pause

Investi nell’ergonomia e riduci il burnout dei dipendenti

Il burnout costa alle aziende più di quanto non sia necessario per creare uno spazio di lavoro ergonomico. Pertanto, le aziende farebbero meglio a investire nell’ergonomia dell’ufficio. Inoltre, la soddisfazione dei dipendenti fa prosperare un’azienda e migliora i profitti. 

Logitech fornisce strumenti e servizi per un ambiente di lavoro ergonomico. Con le nostre attrezzature ergonomiche, i datori di lavoro possono dire addio all’esaurimento dei dipendenti e avere personale più produttivo. Scopri di più su chi siamo e cosa facciamo qui.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Vantaggi ergonomici sul posto di lavoro
Insight

4 vantaggi di un ambiente di lavoro ergonomico per i datori di lavoro

Un ambiente di lavoro ergonomico presenta numerosi vantaggi per i datori di lavoro. Questo articolo analizza questi vantaggi, spiegando perché i datori di lavoro dovrebbero creare uno spazio di lavoro ergonomico.
Sala conferenze Randstad
Storie di clienti

Randstad

Randstad garantisce una cultura aziendale uniforme in un’epoca di grandi cambiamenti.
Obblighi ergonomici sul posto di lavoro
Insight

Obblighi dei datori di lavoro per un ambiente di lavoro ergonomico

Scopri tutto ciò che c’è da sapere sugli obblighi dei datori di lavoro quando si tratta di fornire un ambiente di lavoro ergonomico. Assicurati che i dipendenti possano lavorare al meglio e rimanere in buona salute.
Un uomo che gioca a rugby
Storie di clienti

AFVBy

Scopri come AFVBy sta plasmando le risorse per la connessione virtuale grazie a Logitech e Zoom.
icona di ricerca

Sfoglia le categorie:

CONNETTITI

Carrello

Attualmente il tuo carrello è vuoto. Inizia lo shopping ora