Strategia di lotta al cambiamento climatico: riduzione, recupero e ripristino | Logitech

Pangea temporary hotfixes here

La nostra strategia

Icona impronta verde

RIDUZIONE

Sviluppiamo progetti sostenibili per ridurre in modo significativo l’impronta di carbonio dei nostri prodotti, delle nostre attività e della nostra catena di approvvigionamento.

Icona energia rinnovabile

RECUPERO

Promuoviamo l’impiego di energia elettrica da fonti rinnovabili per tutte le nostre attività e per la nostra catena di fornitura. Progettiamo i nostri prodotti in modo che contengano materiali provenienti da catene di fornitura circolari.

Icona albero verde

RIPRISTINO

Contribuiamo al ripristino della silvicoltura e degli ecosistemi più colpiti dal cambiamento climatico sostenendo progetti a basse emissioni di CO2 e sviluppando soluzioni basate sull’uso sostenibile della natura.

RIDUZIONE DELL’IMPATTO DEI PRODOTTI

La maggior parte della nostra impronta di carbonio proviene dalla fornitura e dalla produzione dei componenti per i nostri prodotti e imballaggi. Logitech si impegna a raggiungere obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale definiti su basi scientifiche e a sviluppare progetti sostenibili per ridurre l’uso di plastica e il peso degli imballaggi, promuovere l’impiego di plastica riciclata post-consumo per la realizzazione dei propri prodotti e molto altro ancora.

energie rinnovabili nella nostra impronta ecologica

Scopri i nostri progressi nel passaggio a un approvvigionamento di energia 100% rinnovabile.

100%

Energia rinnovabile impiegata presso il nostro impianto di produzione

100%

Energia rinnovabile impiegata presso i nostri uffici negli Stati Uniti

88%

Energia rinnovabile impiegata a livello mondiale

Mappa del mondo
Mappa del mondo
map-desktop-text-v5
immagine verde iconmap

Ufficio importante

immagine blu iconmap

Impianto di produzione

RICOSTITUZIONE DEL POTENZIALE FORESTALE E DELLE COMUNITÀ

Verso la neutralità climatica e l’azzeramento delle emissioni

Logitech investe in progetti di silvicoltura e sostentamento per fornire supporto alle comunità più colpite dai cambiamenti climatici. Di recente, abbiamo iniziato a investire in progetti di sequestro del carbonio per garantire l’assorbimento dell’anidride carbonica che produciamo e azzerare le emissioni nette. Inoltre, finanziamo progetti volti a promuovere l’impiego di risorse rinnovabili e ci impegniamo a ridurre la nostra impronta ecologia mediante l’uso di tali risorse. L’acquisto di crediti per compensare le emissioni di CO2 rappresenta una soluzione di passaggio, che ci consente di intraprendere azioni efficaci nell’immediato, mentre sviluppiamo (insieme ad altre aziende a livello globale) le nostre competenze di design sostenibile e individuiamo materie prime e mercati alternativi a basse emissioni di carbonio.

Icona CO2

Azzeramento delle emissioni nette Scope 1

Icona cuffia con microfono e gamepad

Prodotti per gaming a zero emissioni di CO2

Icona produzione sostenibile

Impianto di produzione a zero emissioni di CO2

Icona viaggi a impatto zero

Viaggi a zero emissioni di CO2

Tutti i progetti

Foresta pluviale amazzonica

ACRE, BRASILE

LA FORESTA AMAZZONICA DI ACRE

Lotta alla deforestazione, tutela di alcuni degli habitat più ricchi di biodiversità al mondo e sviluppo di iniziative sostenibili volte a garantire il sostentamento delle comunità locali.

Il progetto di conservazione delle foreste REDD+ protegge dalla deforestazione 105.000 ettari di incontaminata foresta pluviale nel bacino dell'Amazzonia, sostenendo i coltivatori locali e aiutandoli a salvaguardare gli alberi. Prevenendo la deforestazione, inoltre, tale progetto contribuisce a ridurre di 90.000 tonnellate all’anno le emissioni di CO2e. Alle comunità locali viene offerta la possibilità di partecipare a corsi di istruzione e formazione per imparare a coltivare banane, ceci, cassava e mais, trasformare artigianalmente i prodotti della pesca, allevare suini in regime biologico e utilizzare la rotazione dei pascoli. In questo modo, la produttività e i profitti delle aziende agricole aumentano, così come le quantità di cibo a disposizione, e non è più necessario ricorrere alla deforestazione.

parco eolico

SHANGHAI, CINA

PARCO EOLICO DI CIXI

Supporto alla crescita del settore delle energie rinnovabili in Cina mediante l’ampliamento delle capacità produttive di energia rinnovabile per rispondere alla crescente richiesta di energia.

Il progetto Shanghai Cixi Wind, nato dalla collaborazione tra un’azienda produttrice cinese e un’azienda produttrice europea, genera energia elettrica da fonti rinnovabili nella baia di Hangzhou. Il parco eolico si compone di trentatré turbine da 1,5 MW ciascuna che generano in media 105 GWh all’anno, riducendo le emissioni di carbonio di 100.000 tonnellate di CO2e all’anno. Promuovendo la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, questo progetto contribuisce al conseguimento dell’obiettivo della Cina di ricavare il 35% dell’energia elettrica utilizzata nel paese da fonti rinnovabili entro il 2030.

Foresta di Darkwoods

COLUMBIA BRITANNICA SUDORIENTALE, CANADA

CONSERVAZIONE DELLA FORESTA DI DARKWOODS

Tutela della foresta boreale da ripartizione della superficie forestale, deforestazione su larga scala e altre minacce ambientali.

L’obiettivo di questo progetto è proteggere più di 156.000 acri di foresta boreale nella Columbia Britannica da ripartizione della superficie forestale, deforestazione su larga scala e altre minacce ambientali. Le aree coinvolte nel progetto sono sottoposte a un attento monitoraggio per garantire la salvaguardia della biodiversità. Strade, infrastrutture, attività e accesso del pubblico sono soggetti a rigidi controlli e limitazioni. I rischi posti dalle specie invasive sono opportunamente gestiti e monitorati. Questo approccio consente di salvaguardare i principali ecosistemi limitando le emissioni a circa 415.000 tonnellate di CO2e all’anno e di tutelare l’ambiente naturale affinché possa continuare a svolgere la propria funzione di sink biosferico. Il progetto sfrutta il mercato dei crediti di carbonio per garantire la conservazione dei principali ecosistemi e delle aree di sequestro del carbonio su una scala senza precedenti, oltre a sostenere la ricerca sulla conservazione della biodiversità e a promuovere sistemi di produzione sostenibili a basso impatto ambientale.

Forni solari

PROVINCIA DI HENAN, CINA

I FORNI SOLARI DI HENAN

Forni solari per le famiglie più povere al fine di ridurre il consumo di combustibile e proteggere la salute delle persone.

Nella provincia di Henan, una delle aree più povere della Cina, le comunità locali sono solite usare cucine alimentate a carbone. Questi elettrodomestici, basati su un uso inefficiente dei combustibili fossili, rilasciano grandi quantità di fumo all’interno degli ambienti e contribuiscono ad aumentare l’inquinamento atmosferico, con conseguenze negative sulla salute, soprattutto di donne e bambini. I Danjiang River Solar Cookers consistono in un disco parabolico di 1,7 m2 che, concentrando l’energia solare su una pentola collocata al centro, è in grado di fornire calore a sufficienza per preparare i pasti per una famiglia. Nell’ambito di questo progetto ad ampio raggio, in circa 100.000 case le vecchie cucine a carbone sono state sostituite dai forni solari, a beneficio di più di 300.000 persone. Grazie ai nuovi forni, che eliminano la necessità di ricorrere agli inefficienti metodi di cottura a carbone, le condizioni di vita e di salute delle famiglie della provincia di Henan hanno conosciuto un notevole miglioramento.

parco eolico

RUDONG, CINA

PARCO EOLICO DI RUDONG

Supporto alla crescita del settore delle energie rinnovabili in Cina mediante l’ampliamento delle capacità produttive di energia rinnovabile per rispondere alla crescente richiesta di energia.

Il parco eolico di Rudong è situato in prossimità della costa e dispone di 50 turbine eoliche con una capacità complessiva di 100 MW. Il progetto è stato realizzato nella contea di Rudong, nella provincia di Jiangsu, e verificato conformemente al meccanismo di sviluppo pulito (Clean Development Mechanism). Oltre a garantire una riduzione annua delle emissioni pari a 170.000 tonnellate di CO2e, il progetto offre impiego a 30 persone e il team di progetto collabora con l’istituto di ingegneria locale per promuovere la formazione, lo sviluppo di competenze e la comprensione del concetto di energia pulita e del funzionamento dell’impianto.

orango

BORNEO, INDONESIA

RISERVA DI BIODIVERSITÀ RIMBA RAYA

Salvaguardia di 65.000 ettari di foresta e dell’orango del Borneo, una specie a rischio di estinzione, e miglioramento delle opportunità di sostentamento delle comunità locali.

La riserva di biodiversità di Rimba Raya è una torbiera tropicale situata sull’isola del Borneo, in Indonesia. Lo scopo di questo progetto è proteggere 65.000 ettari di foresta e torbiere tropicali ricche di carbonio arrestando la deforestazione delle aree di foresta pluviale originariamente destinate alle piantagioni di palma da olio.  Supportando questo progetto, Logitech contribuisce alla conservazione di uno dei sink biosferici che rientrano nel programma REDD+ e alla tutela dei 105.000 esemplari di orango del Borneo, a rischio di estinzione. Il progetto si propone inoltre di offrire a oltre 2.500 famiglie che abitano nell’area l’opportunità di migliorare, mediante iniziative di formazione e conservazione delle risorse agro-forestali, le proprie condizioni di vita, incrementando la sicurezza alimentare, creando opportunità di reddito e garantendo l’accesso alle cure e all’istruzione, il tutto sfruttando il mercato dei crediti di carbonio.

Catena montuosa

PROVINCIA DI QINGHAI, CINA

AFFORESTAZIONE DI QINGHAI

Azzeramento delle emissioni nette attraverso il sequestro di carbonio.

La provincia di Qinghai si trova sull’altopiano tibetano, a un’altitudine di oltre 3.000 metri sul livello del mare. Conosciuto come “il tetto del mondo” o “la torre d’acqua dell’Asia”, l’altopiano tibetano è l'habitat naturale di specie animali rare, nonché il luogo scelto dalla Cina per creare riserve naturali, foreste, praterie e paludi. Il lago di Qinghai è il lago più grande della Cina e si trova all’incrocio tra le vie migratorie di diverse specie di uccelli provenienti da tutta l’Asia. Il progetto riguarda la zona a est del lago e prevede il ripristino di 14.000 ettari di foresta mediante la messa a dimora di diverse specie arboree native resilienti, tra cui abete, ginepro, pino, pioppo, betulla e olmo, su terreni aridi o degradati, non soggetti ai naturali processi di risanamento o riforestazione. Il progetto mira inoltre a fornire supporto alla comunità locale mediante la formazione e l’insegnamento di competenze tecniche.

Tutela delle foreste e delle comunità

Foresta pluviale amazzonica

ACRE, BRASILE

LA FORESTA AMAZZONICA DI ACRE

Lotta alla deforestazione, tutela di alcuni degli habitat più ricchi di biodiversità al mondo e sviluppo di iniziative sostenibili volte a garantire il sostentamento delle comunità locali.

Il progetto di conservazione delle foreste REDD+ protegge dalla deforestazione 105.000 ettari di incontaminata foresta pluviale nel bacino dell'Amazzonia, sostenendo i coltivatori locali e aiutandoli a salvaguardare gli alberi. Prevenendo la deforestazione, inoltre, tale progetto contribuisce a ridurre di 90.000 tonnellate all’anno le emissioni di CO2e. Alle comunità locali viene offerta la possibilità di partecipare a corsi di istruzione e formazione per imparare a coltivare banane, ceci, cassava e mais, trasformare artigianalmente i prodotti della pesca, allevare suini in regime biologico e utilizzare la rotazione dei pascoli. In questo modo, la produttività e i profitti delle aziende agricole aumentano, così come le quantità di cibo a disposizione, e non è più necessario ricorrere alla deforestazione.

Foresta di Darkwoods

COLUMBIA BRITANNICA SUDORIENTALE, CANADA

CONSERVAZIONE DELLA FORESTA DI DARKWOODS

Tutela della foresta boreale da ripartizione della superficie forestale, deforestazione su larga scala e altre minacce ambientali.

L’obiettivo di questo progetto è proteggere più di 156.000 acri di foresta boreale nella Columbia Britannica da ripartizione della superficie forestale, deforestazione su larga scala e altre minacce ambientali. Le aree coinvolte nel progetto sono sottoposte a un attento monitoraggio per garantire la salvaguardia della biodiversità. Strade, infrastrutture, attività e accesso del pubblico sono soggetti a rigidi controlli e limitazioni. I rischi posti dalle specie invasive sono opportunamente gestiti e monitorati. Questo approccio consente di salvaguardare i principali ecosistemi limitando le emissioni a circa 415.000 tonnellate di CO2e all’anno e di tutelare l’ambiente naturale affinché possa continuare a svolgere la propria funzione di sink biosferico. Il progetto sfrutta il mercato dei crediti di carbonio per garantire la conservazione dei principali ecosistemi e delle aree di sequestro del carbonio su una scala senza precedenti, oltre a sostenere la ricerca sulla conservazione della biodiversità e a promuovere sistemi di produzione sostenibili a basso impatto ambientale.

Forni solari

PROVINCIA DI HENAN, CINA

I FORNI SOLARI DI HENAN

Forni solari per le famiglie più povere al fine di ridurre il consumo di combustibile e proteggere la salute delle persone.

Nella provincia di Henan, una delle aree più povere della Cina, le comunità locali sono solite usare cucine alimentate a carbone. Questi elettrodomestici, basati su un uso inefficiente dei combustibili fossili, rilasciano grandi quantità di fumo all’interno degli ambienti e contribuiscono ad aumentare l’inquinamento atmosferico, con conseguenze negative sulla salute, soprattutto di donne e bambini. I Danjiang River Solar Cookers consistono in un disco parabolico di 1,7 m2 che, concentrando l’energia solare su una pentola collocata al centro, è in grado di fornire calore a sufficienza per preparare i pasti per una famiglia. Nell’ambito di questo progetto ad ampio raggio, in circa 100.000 case le vecchie cucine a carbone sono state sostituite dai forni solari, a beneficio di più di 300.000 persone. Grazie ai nuovi forni, che eliminano la necessità di ricorrere agli inefficienti metodi di cottura a carbone, le condizioni di vita e di salute delle famiglie della provincia di Henan hanno conosciuto un notevole miglioramento.

orango

BORNEO, INDONESIA

RISERVA DI BIODIVERSITÀ RIMBA RAYA

Salvaguardia di 65.000 ettari di foresta e dell’orango del Borneo, una specie a rischio di estinzione, e miglioramento delle opportunità di sostentamento delle comunità locali.

La riserva di biodiversità di Rimba Raya è una torbiera tropicale situata sull’isola del Borneo, in Indonesia. Lo scopo di questo progetto è proteggere 65.000 ettari di foresta e torbiere tropicali ricche di carbonio arrestando la deforestazione delle aree di foresta pluviale originariamente destinate alle piantagioni di palma da olio.  Supportando questo progetto, Logitech contribuisce alla conservazione di uno dei sink biosferici che rientrano nel programma REDD+ e alla tutela dei 105.000 esemplari di orango del Borneo, a rischio di estinzione. Il progetto si propone inoltre di offrire a oltre 2.500 famiglie che abitano nell’area l’opportunità di migliorare, mediante iniziative di formazione e conservazione delle risorse agro-forestali, le proprie condizioni di vita, incrementando la sicurezza alimentare, creando opportunità di reddito e garantendo l’accesso alle cure e all’istruzione, il tutto sfruttando il mercato dei crediti di carbonio.

Energie rinnovabili

parco eolico

SHANGHAI, CINA

PARCO EOLICO DI CIXI

Supporto alla crescita del settore delle energie rinnovabili in Cina mediante l’ampliamento delle capacità produttive di energia rinnovabile per rispondere alla crescente richiesta di energia.

Il progetto Shanghai Cixi Wind, nato dalla collaborazione tra un’azienda produttrice cinese e un’azienda produttrice europea, genera energia elettrica da fonti rinnovabili nella baia di Hangzhou. Il parco eolico si compone di trentatré turbine da 1,5 MW ciascuna che generano in media 105 GWh all’anno, riducendo le emissioni di carbonio di 100.000 tonnellate di CO2e all’anno. Promuovendo la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, questo progetto contribuisce al conseguimento dell’obiettivo della Cina di ricavare il 35% dell’energia elettrica utilizzata nel paese da fonti rinnovabili entro il 2030.

parco eolico

RUDONG, CINA

PARCO EOLICO DI RUDONG

Supporto alla crescita del settore delle energie rinnovabili in Cina mediante l’ampliamento delle capacità produttive di energia rinnovabile per rispondere alla crescente richiesta di energia.

Il parco eolico di Rudong è situato in prossimità della costa e dispone di 50 turbine eoliche con una capacità complessiva di 100 MW. Il progetto è stato realizzato nella contea di Rudong, nella provincia di Jiangsu, e verificato conformemente al meccanismo di sviluppo pulito (Clean Development Mechanism). Oltre a garantire una riduzione annua delle emissioni pari a 170.000 tonnellate di CO2e, il progetto offre impiego a 30 persone e il team di progetto collabora con l’istituto di ingegneria locale per promuovere la formazione, lo sviluppo di competenze e la comprensione del concetto di energia pulita e del funzionamento dell’impianto.

Sink biosferico

Catena montuosa

PROVINCIA DI QINGHAI, CINA

AFFORESTAZIONE DI QINGHAI

Azzeramento delle emissioni nette attraverso il sequestro di carbonio.

La provincia di Qinghai si trova sull’altopiano tibetano, a un’altitudine di oltre 3.000 metri sul livello del mare. Conosciuto come “il tetto del mondo” o “la torre d’acqua dell’Asia”, l’altopiano tibetano è l'habitat naturale di specie animali rare, nonché il luogo scelto dalla Cina per creare riserve naturali, foreste, praterie e paludi. Il lago di Qinghai è il lago più grande della Cina e si trova all’incrocio tra le vie migratorie di diverse specie di uccelli provenienti da tutta l’Asia. Il progetto riguarda la zona a est del lago e prevede il ripristino di 14.000 ettari di foresta mediante la messa a dimora di diverse specie arboree native resilienti, tra cui abete, ginepro, pino, pioppo, betulla e olmo, su terreni aridi o degradati, non soggetti ai naturali processi di risanamento o riforestazione. Il progetto mira inoltre a fornire supporto alla comunità locale mediante la formazione e l’insegnamento di competenze tecniche.

Prakash Arunkundrum
“Il cambiamento climatico causato dalle attività umane è uno dei problemi più grandi che la nostra generazione si trova ad affrontare e siamo convinti che per affrontarlo al meglio sia necessario procedere in modo sistematico, mediante l’adozione di un approccio di tipo scientifico e di programmi orientati al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.”


Prakash Arunkundrum
Head of Global Operations

Secondary Nav HTML Hack LOGIWEB-2111