Articolo: La visione dell’equità nelle riunioni - Logitech

PASSA AL CONTENUTO PRINCIPALE
Pangea temporary hotfixes here
Riorganizzare in modo efficace l’ambiente dell’ufficio

La visione dell’equità nelle riunioni

Chiunque abbia lavorato da remoto sa cosa significa partecipare a una riunione ibrida poco funzionale, durante la quale è difficile per chi non è in ufficio esprimere la propria opinione come i colleghi in presenza Chi è collegato da casa spesso si sente quasi invisibile e ha la sensazione di guardare la riunione anziché esserne parte integrante. Oggi, i leader delle aziende stanno prendendo atto di tale problema.

Nel primo post di questa serie, abbiamo esaminato il problema delle esperienze di riunione non eque come sottoprodotto del lavoro ibrido. L’elemento visivo è una componente considerevole di tale problema. Per risolverlo, l’IT deve guardare oltre la fedeltà video e considerare l’esperienza visiva nel suo insieme.

 

L’equilibrio delle riunioni ibride è estremamente delicato

Anche le azioni più innocue possono danneggiare le dinamiche di una riunione ibrida. In una tipica sala conferenze, le riunioni ibride perdono la propria efficacia nel momento in cui i partecipanti in presenza iniziano a parlare tra di loro. Poiché la maggior parte delle sale ha un'unica videocamera fissa nella parte anteriore della stanza, questa interazione esclude subito i partecipanti da remoto, che non sono più coinvolti nella dinamica della riunione. Non possono vedere o ascoltare cosa sta succedendo e di conseguenza si sentono estromessi, oltre che frustrati e impossibilitati a fornire il proprio contributo. Per questo, non fanno altro che spegnere la videocamera e disattivare l’audio.

 

Come in un film, è necessaria la presenza di un “regista”

Anche se si stenta a crederlo, in genere scenari come questo si verificano a causa di limitazioni tecnologiche piuttosto che per errori umani. La maggior parte delle sale conferenze dispone di una moltitudine di strumenti video che funzionano in modo indipendente. Non vi è alcuna interazione tra hardware e software per offrire un’atmosfera cinematografica. Al contrario, un approccio basato su piattaforma consente di seguire l’azione (come farebbe un regista), con i due componenti che funzionano insieme in perfetta sinergia sui vari dispositivi. Logitech adotta questo approccio tramite CollabOS, il nostro sistema operativo dedicato per videoconferenze, in cui il firmware viene sviluppato e implementato su un’unica piattaforma.

Affrontare il problema della visibilità

Elementi come distanza, inquadratura, illuminazione e colore sono di competenza del regista. Ma la sala conferenze media è carente nella maggior parte o in tutte queste aree. I partecipanti alla riunione che non sono nell’inquadratura sono vittime del cosiddetto effetto "lontano dagli occhi, lontano dal cuore" e per giunta una scarsa illuminazione fa sì che sembrino sagome piuttosto che esseri umani, come se fossero un gruppo di comparse e non dei personaggi principali.  

Ecco come stiamo cercando di migliorare questa esperienza con la tecnologia per sale riunioni:

 

 
  • Con la funzione di inquadratura automatica e reinquadratura di gruppo on-demand, portiamo tutti i partecipanti vicino all’obiettivo con panoramica e zoom automatici. 

  • Nelle nostre videocamere è incorporata una tecnologia di correzione del colore che si adatta agli ambienti con potenti fonti luminose, riducendo l’impatto visivo dei riflessi e delle ombre.

  • Dando priorità alla luce focalizzata sulle persone e all'ottimizzazione del colore per tonalità dell'incarnato naturali, i nostri prodotti consentono di risaltare l'autenticità e la diversità nelle videoconferenze. 

Questi meccanismi aiutano a ricreare l'esperienza delle riunioni in loco e creano un senso di immersione per tutti. Consentono ai partecipanti a distanza di collaborare in condizioni di parità con i colleghi nella sala conferenze, di poter contribuire al lavoro come se fossero in presenza e di sentirsi parte integrante della riunione. Inoltre i dispositivi ricevono questi aggiornamenti over-the-air in automatico, il che consente di migliorare l’esperienza e prolungare al contempo la durata dell’investimento nelle videoconferenze.  

Nel terzo post di questa serie, tratteremo la componente audio nell’implementazione di riunioni eque e l’importanza di ascoltare e farsi sentire in modo ottimale. 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Illustrazione di una sala per videoconferenze

Tipo di risorsa

Riorganizzare in modo efficace l’ambiente dell’ufficio nel lavoro a distanza

Leggi questo articolo per scoprire come creare in ufficio un ambiente pensato sia per i dipendenti in presenza sia per i dipendenti a distanza con il giusto connubio di strumenti per videoconferenze e sale riunioni

Prodotti Logitech per videoconferenze

Tipo di risorsa

5 consigli per agevolare le riunioni ibride

Leggi questo articolo per scoprire come ottimizzare le tue soluzioni Logitech per ambienti per esperienze di collaborazione video coinvolgenti e produttive nell'era del lavoro ibrido

Illustrazione di una sala riunioni con 4 sedie

Tipo di risorsa

Rendere le riunioni ibride adatte a tutti

Scopri di più su come RightSight 2, la nostra ultima innovazione nella tecnologia di inquadratura automatica, permette esperienze di riunione ibride eque.

SUPPORTO

CONNETTITI